Carrello

Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a 100,00 €

Hai un buono sconto? Ricordati di registrarti e passare dal Carrello per riscuoterlo.

Totale 0,00 €
MENU
Il guidone YCI issato sulla vetta del mondo!
il più antico club velico del Mediterraneo

Yacht Club Italiano il più antico club velico del Mediterraneo Il guidone YCI issato sulla vetta del mondo!

Il guidone YCI issato sulla vetta del mondo!

Il guidone YCI issato sulla vetta del mondo!

26 agosto 2018

Grandissime Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini, le atlete che vestono i colori dello YCI si sono laureate, domenica  nelle acque del Lago di Bracciano,  Campionesse del mondo 470 Juniores con un consistente vantaggio di 6 punti sul secondo equipaggio dopo 8 splendide regate combattute contro 79 equipaggi, tra i 17 e 23 anni, provenienti da ben 21 nazioni.

Benedetta e Alessandra coronano così una eccezionale stagione che le ha viste protagoniste anche recentemente  ad Aarhus dove, grazie ai loro risultati hanno qualificato l’Italia 470 femminile per le Olimpiadi di Tokio 2020.


Orgogliosi di Voi che fate volare i colori del Club così in alto ed un plauso speciale  alla loro allenatrice Anna Barbino.

 

A completare la splendida performance dei nostri  atleti Juniores a Bracciano,  anche i bei piazzamenti di Sofia Giondi ( insieme ad Alice Tamburini del CV3V)  13esime e dei giovanissimi Luca Valentino e Cesare Massa 22esimi ad uno dei primi esordi internazionali.

 

Di seguito riportiamo  le dichiarazioni “a caldo” delle due neo- campionesse mondiali :

Benedetta Di Salle:

"Condizioni impegnative, poco vento e oscillante, è stato difficile perché non abbiamo mai regatato su un lago così imprevedibile. Siamo molto felici perchè nonostante queste condizioni siamo riuscite sempre a stare nelle prime 5, e poi nella giornata di ieri con buone condizioni abbiamo fatto un primo e conquistato la leadership. Anche oggi nel tentativo di Medal Race poi annullata, eravamo in testa ma non potevamo comunque essere sicure che avremmo finito prime con le condizioni così imprevedibili".  

Alessandra Dubbini:

"Di sicuro siamo partite già stanche e sotto stress dopo Aarhus, però ci siamo sforzate di stare tranquille consapevoli delle nostre capacità e con ben chiaro l’obiettivo. Non partivamo certo come le favorite della flotta, perché nelle regate juniores ci sono equipaggi più leggeri di noi che con poco vento ci danno filo da torcere. Le nostre avversarie principali erano le tedesche campionesse in carica, e da subito abbiamo cominciato a fare la regata dando un occhio a loro. La giornata di ieri con più vento è stata la nostra salvezza e abbiamo conquistato la testa della classifica e anche oggi eravamo pronte a fare bene. Lunedì partiamo per il Giappone, ultimo sforzo di una stagione che ci ha dato grandi gioie e fare bene lì sarebbe la ciliegina sulla torta".